Approfondimenti

L’apparato circolatorio

By 20 Ottobre 2018No Comments

Dal libro “anatomia fisiologia” W.G.SEARS  R.S. WINWOOD

L’APPARATO CIRCOLATORIO

La vita di tutti i tessuti e di tutti gli organi che costituiscono il corpo dipende dall’assunzione di sostanze nutritizie e di ossigeno in quantità sufficiente, e dalla contemporanea eliminazione dei prodotti di rifiuto che derivano dalle attività di questi organi e di questi tessuti. Queste funzioni vengono svolte dal sangue; il cuore e i vasi sanguigni costituiscono il meccanismo che permette di mantenere una circolazione costante di sangue attraverso tutto l ‘organismo. Il sangue viene pompato dal cuore, che lo invia attraverso le arterie fino ai capillari, dai quali ritorna al cuore attraverso le vene. I capillari formano una fitta rete diffusa a tutto l’organismo. Sono dei canali microscopici che ricevono il sangue dalle arterie più piccole (arteriole) e lo consegnano ad un sistema di vene di calibro piccolissimo (venule). Questi canalicoli sono formati da un solo strato di cellule parzialmente riunite assieme,ma che lasciano tra di loro dei piccoli spazi attraverso i quali possono passare i globuli bianchi del sangue (leucociti) grazie ai movimenti ameboidi di cui sono dotati. Hanno pressapoco il diametro di un globulo rosso. Lo scambio di ossigeno del materiale nutritizio e anche dei prodotti di rifiuto ha luogo tra il sangue ed i tessuti proprio attraverso le pareti di questi capillari. Le arterie che trasportano il sangue dal cuore ai capillari sono dei tubi a parete grossa e costituita da tre involucri: l’esterno, il medio, l’interno.

– Involucro esterno (tonaca avventizia) è formata da tessuto fibroso ed offre protezione e resistenza al vaso

– Involucro medio (tonaca media) è formato da fibre muscolari lisce con qualche fibra elastica giallastra. Le fibre muscolari sono disposte in senso circolare, per cui contraendosi e rilassandosi determinano le modificazioni di calibro del vaso. Questa funzione per la maggior parte, cade sotto li controllo del sistema nervoso e riveste un’importanza particolare nello stabilire la quantità di sangue che viene erogato ad un organo e nel mantenere costante la pressione sanguigna.

– Involucro interno (tonaca intima) è costituito da due parti diverse:

– 1) il rivestimento interno dell’arteria formato da cellule endoteliali appiattite

– 2) uno strato di fibre elastiche che separa questo rivestimento dalla tonaca media muscolare.

La percentuale di tessuto elastico è maggiore nelle arterie di grosso calibro, e specialmente nell’aorta, mentre nelle arterie di calibro minore predomina il tessuto muscolare; questo fatto significa che l’irrorazione sanguigna di un organo o di una parte del corpo è controllata soprattutto dalle variazioni di calibro delle piccole arterie e delle arteriole, mentre il calibro dell’aorta e dei vasi più grossi rimane pressochè costante.

Anche le vene posseggono tre involucri corrispondenti a quelli delle arterie; ma questi involucri sono tutti molto più sottili, per cui le pareti di una vena si collassano e collabiscono quando si apre il vaso. Le arterie invece, quando vengono sezionate rimangono beanti. Molte vene degli arti inferiori e dell’addome presentano nel loro interno delle valvole foggiate in modo tale da permettere lo scorrimento del sangue solo in direzione del cuore e da evitarne qualunque scorrimento in direzione opposta. Queste valvole sono costituite da pliche a forma di tasca che si aprono in direzione del cuore, hanno un ruolo di grande importanza nel ritorno del sangue al cuore.

Leave a Reply